Naturismo e nudismo

News aggiornate sul mondo del naturismo

Naturismo dove e come

Vacanze e attività naturiste per tutti!

Bed & Breakfast naturista

Primo bed and breakfast naturista in Italia

Naturist Ecovillage

Primo ecovillaggio naturista in Italia

Week-end Benessere

Fine settimana dedicati al benessere naturista

Cohousing naturista

L'unico progetto di comunità naturista in Italia

SPIAGGE IN ITALIA

SPIAGGE RICONOSCIUTE

Queste sono le spiagge dove il naturismo è riconosciuto e tollerato e dove non si rischiano multe prendendo il sole nudi:

1. Liguria:Spiaggia di Guvano, fa parte del Parco Nazionale delle Cinque Terre vicino a La Spezia, raggiungibile soltanto a piedi con un quarto d’ora di cammino dal parcheggio.
2. Veneto: Lido di Jesolo-Laguna del Mort e Lido di Volano: appena arrivati al Lido di Volano entrare in Pineta verso il bagno cormorano, via Spiaggia 1 - entrare sulla spiaggia e dirigersi a sinistra guardando il mare verso la foce del Po, la spiaggia libera è larghissima e poco frequentata. La spiaggia è una spiaggia libera con conduzione ANER.
3. Emilia Romagna: spiaggia di Lido di Dante. Si trova nel tratto di spiaggia di fronte al Camping Classe a Lido di Dante.

4. Toscana: spiaggia del Nido dell’Aquila, immersa nel Parco Naturale di Rimigliano a pochi chilometri a sud di San Vincenzo, in provincia di Livorno. Già dagli anni Sessanta intere famiglie di nudisti la frequentavano. Associazioni naturiste presenti: ANITA. Il naturismo è praticato in un tratto di spiaggia, detto Nido dell'Aquila, nel Parco Naturale di Rimigliano. Arrivarci e' facile. Basta percorrere in direzione sud la Strada della Principessa che corre parallela al mare fra San Vincenzo e Populonia. Dopo circa 5 km si trovano sul lato mare due case diroccate. Lasciare l'auto all'altezza della seconda casa e seguire il sentiero fino al mare, quindi camminare lungo la spiaggia per altri 300 metri verso sud. In tutto occorrono non più di 10 minuti di cammino. Ideale per i bambini. Altra spiaggia nudista è quella Marina di Alberese, a sud del parco dell’Uccellina in provincia di Grosseto.
4. Lazio: Lido di Capocotta, spiaggia storica in quanto fu la prima spiaggia nudista ad essere autorizzata. Contraddistinta da dune circondate da una folta macchia mediterranea, dispone anche di bar e ristorante. Nel 2015 nasce poi la Spiaggia autorizzata di Fiumicino-Focene. Nel Comune di Fiumicino la spiaggia si trova nel tratto di litorale tra Fiumicino e Focene: circa 600 metri alle spalle della pineta di Focene, compresi tra via del Pesce Luna e 200 metri a sud della spiaggia antistante il radar aeroportuale.
5. Campania-Cilento: spiaggia del Troncone a Marina di Camerota, meta amata soprattutto da nudisti stranieri che ne apprezzano la bellezza delle acque. Vicinissima a Palinuro.
6. Puglia: Torre Guaceto in provincia di Brindisi.
7. Sicilia: si trova una spiaggia per nudisti alla foce del Belice, vicino ai templi di Selinunte in provincia di Trapani. Spiaggia di Lascari: Segnalata sull'edizione Palermo del quotidiano La Repubblica la spiaggia di Lascari è vasta e spopolata, ed è frequentata da naturisti.
8. Sardegna: a Cala Gonone, in provincia di Nuoro. si trova la spiaggia dell’Acqua dolce.

 

SPIAGGE SEGNALATE

Quelli che seguono sono invece luoghi naturisti segnalati a vario titolo, divisi regione per regione:

1. PIEMONTE:
Carignano (TO): Fiume Po. Arrivando da Carignano in direzione Carmagnola sulla SS20, attraversare il fiume Po e subito dopo svoltare a sinistra in una stradina scociesa e non asfaltata. Percorrere il sentiero a piedi fin quando non si arriva alla spiaggia (200 m). Si consiglia di parcheggiare l'auto nel parcheggio che si trova svoltando a sinistra subito prima del ponte, ed attraversare il ponte a piedi.
Voltaggio (AL): In basso Piemonte c'è il torrente Gorzente, con relativi laghetti "nuotabili", raggiungibile da Voltaggio seguendo le indicazioni per Capanne di Marcarolo. Pare che anni fa fosse molto frequentato dai naturisti, poi i tessili sono tornati maggioranza, ma è possibile sempre a star nudi senza dare e ricevere fastidi. Meglio comunque evitare la domenica, molto affollata.
Arquata Scrivia - Libarna (AL): dagli scavi di Libarna proseguire per il sentiero in direzione Serravalle per il sentiero lungo la recinzione fino al torrente.
Biella: Sul Cervo da Candelo a Vigevano girare a destra dietro la cava e proseguire lungo il torrente Cervo per 700 metri
Bra: Fiume Stura. Dalla strada Bra-Cherasco subito dopo il ponte sullo Stura girare a destra e proseguire sulla strada sterrata per 2Km fino a raggiungere la spiaggia
Cuneo: Fiume Gesso. Dai campi di calcio seguire la pista ciclabile fino alla spiaggia naturista
Rivarolo-Ciconio (TO): tra le due località si trova la spiaggia frequentata il sabato e la domenica pomeriggio. L'accesso è possibile dal lato del campo da cross, dato che quello cha dava accesso diretto dalla S.S. di Rivarolo è stato chiuso
Casale Monferrato (AL): Arrivando da oltreponte, girare a destra prima del ponte sul Po. Percorrere qualche decina di metri e, a sinistra, prendere la stradina che costeggia l'argine. Proseguire fin quando e asfaltata poi lasciare l'auto. Meglio in bici o a piedi, proseguire finché non si trovano una serie di spiaggette protette dalla vegetazione. Qui è possibile praticare nudismo e naturismo
Vigone/Villafranca Piemonte: Fiume Pellice. Arrivando da Vigone in direzione Villafranca Piemonte, attraversato il ponte sul Pellice, proseguire per circa 200 mt. Svoltare a sinistra in una strada asfaltata che poi diventa sterrata. Passare quindi una cava di sabbia e ghiaia e raggiungere un pioppeto. Si può scendere sul letto del fiume a sinistra dove ci sono tantissime spiaggette di sabbia fine, frequentate da numerosi naturisti
Novara: Landiona. Fiume Sesia. Vicino a Novara, tra Milano e Torino, si trova il fiume Sesia. Raggiunto il paesino di Landiona, dalla sola piazza centrale, si prende una strada dapprima asfaltata, poi sterrata che conduce in riva al fiume e prosegue oltre guadandolo. Poche decine di metri prima della riva c'è una sbarra che blocca il passaggio e bisogna proseguire a piedi. Raggiunto il fiume si continua sulla strada per 60-80 mt. Poi si costeggia, verso sinistra l'acqua per circa 100 metri sino a trovare una lingua di sabbia spesso frequentata da nudisti e naturisti

2. LOMBARDIA:
Ponte della Becca: Spiaggia il Sabbione; dopo il ponte della Becca si trova un spiaggia di sabbia piuttosto ampia e facilmente raggiungibile, sulla sponda del Po
Manerba del Garda: seguire le indicazioni per porto Dusano , qui parcheggiare l'auto e proseguire per un sentiero sterrato in direzione nord -est per circa un km; oppure : manerba- seguire per " parco naturale" qui parcheggiare e proseguire a piedi. La spiaggia è praticata per il 75 per cento da nudisti ed è lontana da qualsiasi abitazione, si trova in un parco naturale molto bello

3. VENETO:
Alberoni: Lido di Venezia, zona Alberoni
Eraclea: Isola del Morto. E' una zona situata tra il Lido di Eraclea e la foce del fiume Piave (zona Coratellazzo di Lido di Jesolo). Si accede dalla parte di Eraclea. La pineta e in generale tutta la piccola laguna è' eccezionale. E' frequentata da famiglie, singoli/e, numerosi sono i gay che tendono a posizionarsi nella zona centrale della lunghissima spiaggia
Bibione: Brussa. E' una zona sita tra Bibione e Caorle. Questa è una spiaggia libera con la pineta. A volte è frequentata da famiglie. Possono esserci guardoni o esibizionisti.
Lago di Garda: Spiaggia di Punta S. Virgilio. In localita' Baia delle Sirene, in fondo a destra
Fontaniva (PD): Fiume Brenta in località Fontaniva. Zona per nudisti a circa 300 metri a nord del ponte frequentata in prevalenza da gay ma anche da coppie
Rosolina mare: nella provincia di Rovigo, a Rosolina mare, più precisamente a Porto Caleri esiste una fetta di spiaggia dove diverse persone praticano il nudismo

4. FRIULI VENEZIA GIULIA:
Costa dei Barbari (Trieste): Costa dei Barbari è un po' prima di Trieste vicino a Sistiana. E' una zona tranquilla con insenature, la costa è rocciosa, il mare pulito. Non è frequentata da un particolare tipo di persone. Si può parcheggiare la macchina a Sistiana e proseguire a piedi lungo la costa verso Trieste.

5. LIGURIA:
Tellaro (SP): costa di ghiaia e scogli detta gli "Spiaggioni", in localita' Zanego-Tellaro. Vi si accede via mare, oppure seguendo un sentiero per 20 minuti
Nervi: Vicino a Genova ci sono i laghetti di Nervi, raggiungibili da Nervi, via del Commercio, e poi via ai Molini. I laghetti non consentono di nuotare, a parte uno che però è proprio al termine della strada e molto frequentato da ragazzini che stanno però in costume. Il luogo è tranquillo e ben frequentato
Cervo-Golfo Danese: Il ritrovo più frequentato (specialmente da stranieri) è località Ciappellette a Cervo, ai piedi di Capo Mimosa: una località tanto impervia quanto suggestiva, sotto Villa delle Rose, raggiungibile soltanto a piedi dall'Aurelia, dopo aver scavalcato il guard-rail
Imperiese: nella parte più nascosta della Galeazza. L'apertura - sia pure parziale - della litoranea, ha ridotto però notevolmente il numero dei frequentatori. Altri punti di ritrovo vengono segnalati a ponente di Imperia, verso San Lorenzo, sotto la ferrovia, in località Barbarossa e nella zona della torretta di Garbella. Non esistono strade di accesso e si deve scavalcare il guard-rail o la recinzione a mare dell'Aurelia
Ventimiglia: Tra Latte e Balzi Rossi si trovano ben tre spiaggette, raggiungibili dall'Aurelia attraverso un ponticello. Il ritrovo per naturisti risale a oltre quindici anni fa, su iniziativa della Lega naturista Alpazur. Attualmente una delle spiagge è frequentata da gay, le altre zone sono occupate principalmente da famiglie e coppie. Le spiaggette ai confini con la Francia sono indicate anche sulle guide nazionali e internazionali dell'Associazione naturisti e su quella dei gay. VERIFICATA NEL 2102.
Chiavari: raggiungere la zona dell'ex colonia Fara, all'estremo ponente della città. Giunti al parcheggio dove termina la strada, scendere nell'antistante spiaggia pubblica. Di qui salendo su un muraglione che costeggia il giardino di una villa, si raggiunge facilmente un boschetto da cui parte un sentiero che porta subito nella spiaggia dove un tempo passava la ferrovia. Appena arrivati c'è ancora gente in costume, poi i nudisti. La spiaggia è presidiata da anziani naturisti che si occupano di tenerla in ordine e pulita. Consigliata.
Framura: prendendo la strada che scende alla stazione del paese, prima dell'ultima curva che precede l'arrivo al parcheggio della stazione, c'è una strada che conduce a una serie di villette. Percorrerla fino in fondo, passando sopra la grande spiaggia. Arrivati alla fine della strada ci sono due sentieri, uno risale la collina, l'altro scende verso il mare. Prendere quello che scende al mare, attraverso una boscaglia. Giunti in riva al mare, c'è una scogliera poco frequentata dove è possibile stare nudi e ci segnalano sia molto bella. Nel periodo di maggiore affollamento (week end di luglio e agosto), è facile trovare anche gente in costume
Camogli: prendere la strada che da Recco va verso Camogli. Prima di entrare a Camogli, c'è un parcheggio con distributore di benzina. Prendere la scaletta che porta alla celebre spiaggia detta "Cala dei Genovesi". Attraversarla e salire sulla scogliera in direzione Genova. Si raggiunge uno spiazzo con una statua semidistrutta e di qui una scogliera piccola con vista sul monte di Portofino. Sconsigliata in caso di mare mosso.
Punta Chiappa: Scoglio sul mare raggiungibile da San Rocco di Camogli a piedi con un sentiero oppure in battello da Camogli. Attenzione ci segnalano che il parcheggio per l'auto costa 8 euro e il traghetto 11 euro - non proprio economico (nei giorni feriali, però, si può trovare posto gratuito per l'auto nell'abitato di san Rocco). Inoltre benché il paesaggio sia bello ci sono scogli taglienti e scomodi per prendere il sole. Adatta a chi non si spaventa e chi ama fare il bagno nudo all'interno di una riserva naturale marina, un tempo era abituale trovare nudisti, ora la loro presenza è diminuita. Aggiornamento: Ci segnalano che la presenza dei naturisti è praticamente scomparsa.
Varigotti: è forse la spiaggia più conosciuta, citata anche su riviste estere. Dopo un periodo di ostracismo da parte della collettività locale, ha ripreso ad essere frequenta dai nudisti soprattutto ad agosto. E' facilmente raggiungibile in due modi: a nuoto dalla spiaggia principale di Varigotti; raggiungere il molo al fondo del paese in direzione della spiaggia entrare in acqua e nuotare per 5-10 minuti; oppure da un sentiero che inizia dal paese come passeggiata verso la torre saracena, che si trova sopra a punta Crena, sovrastante la galleria. La passeggiata diventa sentiero e poi diventa viottolo. Infine c'è una catena per scendere l'ultimo tratto di rocce
Cogoleto: dalla via Aurelia sentieri portano a una spiaggetta e scogli a Piani D'Ivrea, tra Cogoleto e Varazze.
Pieve Ligure: Sull'Aurelia in direzione Recco, presso la ferrovia, scendere verso il mare. Aggiornamento: ci segnalano che anche qui la presenza di naturisti è rarissima
Sestri Levante: sul tratto di costa di Punta Baffe, raggiungibile a piedi. Ci segnalano anche Punta Manara, sempre vicino a Sestri L.. I 30-40 minuti a piedi potrebbero farne un luogo privilegiato per i naturisti. Purtroppo non c'è quasi mai nessuno, se non qualcuno (tessile) che arriva con la barca

6. TOSCANA
Sassoscritto: tratto di scogli in località Romito, alcuni km a sud di Livorno. Si deve parcheggiare l'auto sulla strada e poi scendere per un breve e ripido sentiero. Mare subito profondo
Marina di Bibbona: (verificata) il naturismo è praticato nella parte più a sud della spiaggia di Marina di Bibbona (LI). Parcheggiare l'auto nel piazzale antistante il campeggio. Seguire il sentiero fino al mare e poi proseguire verso sud per circa 15 minuti fino ad incontrare altri naturisti.
Marina di Alberese: (verificata) spiaggia di sabbia fine, in un ambiente incontaminato, vicino al Parco Naturale dell'Uccellina. Attenti alle multe che i "Rangers" danno sia alle auto parcheggiate. Raggiunto il parcheggio sul mare di Marina di Alberese (GR), proseguire lungo la spiaggia in direzione sud. Dopo circa 1.5 km di cammino la quantità' di bagnanti tessili tende a ridursi drasticamente ed ha inizio la zona frequentata da naturisti. In alternativa, si può' andare in direzione nord verso Bocca d'Ombrone. Anche su questo lato si ha una certa presenza di naturisti. Sulla spiaggia ci sono però un po' di detriti a causa del fiume Ombrone.
Monte Argentario: nella parte sud del promontorio c'è la spiaggia detta la Feniglia. Vi si arriva attraversando a piedi una bellissima pineta, oppure da Port'Ercole camminando lungo la spiaggia. I naturisti si concentrano nella parte centrale della spiaggia, meno frequentata
Capalbio: molto bella anche perché inserita in una riserva del WWF è la spiaggia antistante il Lago di Burano. L'unico modo per raggiungerla è, oltre che via mare, percorrendo a piedi la spiaggia. Ideale per chi vuole trascorrere una giornata veramente tranquilla
Cascina e Caprona (PI): Zona dell'Argine dell'Arno, nella zona tra Cascina e Caprona. E' assolutamente al riparo da folli e da sguardi invidiosi, ha numerose spiaggette con accessibilità immediata, è in campagna, in un paese abitato solo da vecchiette contadine. L'argine è tenuto benissimo dalla Polizia Idraulica, perché è importante ai fini della sicurezza in caso di straripamento. Non ancora molto frequentato.
Diaterna: (verificata) Associazioni naturiste presenti: ANITA Il torrente Diaterna è nel Mugello ed è un affluente del Santerno. La zona naturista si trova in località Scheggianico nel comune di Firenzuola (FI) e si raggiunge per chi proviene da Firenzuola, dirigendosi verso la località Scheggianico (9 Km). Come si supera Scheggianico, ma prima del ponte, si deve prendere la strada che sale a sinistra anche se è preferibilmente lasciare l'auto in zona e proseguire a piedi Il naturismo è praticato da parecchi naturisti che lo frequentano da diversi anni. Chi cerca un vero contatto con la natura e il naturismo non può esimersi da una visita a questo piccolo paradiso. Per maggiori informazioni contattare il Sig. Marco Boni (Mugello) mboni@internettrain.it
Lago di Castelruggiero: Il posto è carino. E' frequentato da molti giovani e coppie ed il sabato e la domenica ci sono molte famiglie, ovviamente non tutti naturisti, ma la gran parte si. Per quanto riguarda i bambini, è possibile fare il bagno, anche se ci sono un po' di sassi, ma ci sono tratti dove c'è addirittura sabbia. Ci si accede dall'autostrada A1, uscita FI-Sud, direzione Grassina. Oltrepassato il paese di Grassina, girare a sinistra per circa 6 km, fino ad incontrare la loc. Capannuccia; poi girare a destra per via Castelruggiero fino a vedere il lago. Lasciare le macchine sulla strada e proseguire a piedi
Pineta del Tombolo: Sulla statale 322, tra Castiglione e Marina di Grosseto, all'incirca all'altezza del canale artificiale che sbocca in mare, si parcheggia l'auto nelle piazzole della strada e si scende a mare a piedi. La zona è lontano da insediamenti abitativi e questo tratto di costa è frequentato abitualmente da nudisti

7. MARCHE
Portorecanati: al km 331 della SS 16 a Portorecanati Sud (MC) in direzione Civitanova Marche. C'è un distributore Q8 dotato tra l'altro di un bar fornitissimo e di un grande parcheggio libero. Costeggiare un po la ferrovia verso Sud fino al sottopassaggio, naturalmente meglio non attraversare la ferrovia. Anche la spiaggia antistante non è male, ma più a sud ci si sposta e più si sta tranquilli. Avere la ferrovia alle spalle non crea grossi problemi. Luogo molto frequentato da gay e coppie
Sirolo (Ancona): località Sassi Neri
Portonovo (Ancona): Spiaggia Mezzavalle.

8. LAZIO
Sperlonga (Gaeta): spiaggia dei 300 scalini. Raggiunto lo stabilimento "Ultima Spiaggia" scendete le scale. La spiaggia è molto bella.
Sabaudia: Arrivando da Sabaudia seguite la strada costiera finché non si interrompe

9. PUGLIA
Torre Guaceto (Brindisi): spiaggia. Per arrivarci è necessario camminare per circa 30 minuti in direzione sud nella riserva naturale di Torre Guaceto partendo dal parcheggio della prima spiaggia.
Attenzione! Ci segnalano che la spiaggia non è più frequentabile da naturisti per la presenza di nuove strutture ricreative per tessili e la conseguente massiccia presenza di tessili.

10. CAMPANIA
Amalfi (Salerno): Conca dei Marini (zona Capo di Conca)
Marina di Camerota (Salerno): spiaggia del Ciclope (zona a sud dell'isola)
Capri: Sulle Rocce a mare di Via Krupp

11. SARDEGNA
Portoferro: è una spiaggia di sabbia rossiccia molto ampia e soleggiata racchiusa tra due gruppi di scogli e protetta alle spalle da una meravigliosa pineta. E' rivolta verso ovest (tramonto mozzafiato!), frequentata da gente del luogo e turisti occasionali che decidono di trascorrere qualche ora o, a volte, qualche giorno, avvolti dalla tranquillità e dalla natura. L'acqua del mare è verde cristallina e vi ricorderà sempre che siete in Sardegna! ...nella parte finale è frequentata dai naturisti. Sebbene Portoferro sia assolutamente invisibile da qualsiasi strada, raggiungerlo è molto semplice. Si trova tra Capo Caccia e Sassari quindi molto vicino a chiunque si trovi nella zona di Alghero, Fertilia, Sassari e tutta la Sardegna del Nord-Ovest.Se venite da Sassari proseguite verso Alghero-S.M. La Palma-Capo Caccia. Passato il semaforo di S.M. La Palma proseguite verso Capo Caccia e dopo circa 2 Km. svoltate a destra seguendo l'indicazione "Portoferro". Proseguite lungo la strada fino a quando non incontrerete una piccola via sulla destra con un cartello indicante "spiaggia". Svoltate, seguite la strada e poco dopo vi ritroverete in un parcheggio sugli scogli. Lasciate l'auto e proseguite a piedi fino alla fine della spiaggia. Se venite da Alghero proseguite verso Fertilia e poi Capo Caccia. Girando attorno alla Baia di Conte incontrerete un incrocio sulla destra indicante "Porticciolo". Svoltate e proseguite fino ad incontrare sulla vostra sinistra il cartello "Portoferro", il resto è uguale. Vi ricordiamo che il nudismo è praticato solo nella parte finale della spiaggia lunga circa 700 mt. dove sono presenti anche 3 meravigliose calette.
Serrato: Spiaggia del Liscia a ovest di Isola dei Gabbiani. Ubicazione: Costa nord della Sardegna, nelle vicinanze di Palau. Come arrivarci: è raggiungibile sia via terra che via mare. Via terra: Lasciare Palau ed imboccare la SS 133 in direzione di Santa Teresa di Gallura e dopo circa 3 km girare a destra dirigendosi verso 'Isola dei gabbiani / Barrabisa'. La strada termina dopo poco di fronte all'Isola dei Gabbiani (in realtà è una piccola penisola) ed all'omonimo campeggio. Parcheggiare e dirigersi verso Ovest: guardando l'Isola dei gabbiani, la spiaggia è quella alla vostra sinistra (alla vostra destra ce n'è un'altra ma molto frequentata, non da nudisti). La prima parte di spiaggia è abbastanza frequentata ma dopo poche centinaia di metri diventa pressoché deserta e li incontrerete i nudisti. Via mare: Lasciando il porto turistico di Palau dirigersi verso ovest seguendo la costa, superare Punta Sardegna e la Cala dei Francesi fino ad arrivare in vista dell'Isola dei Gabbiani. superare anche questa penisola, sempre in direzione ovest. La spiaggia del Liscia è molto lunga, formando un'ampia insenatura. Avere un'imbarcazione significa potere raggiungere la parte più remota della spiaggia e la massima tranquillità.
Camping Baia Saraceno: Costa nord della Sardegna, appena fuori Palau, in località 'Punta Nera'. Come arrivarci: Uscire dal Porto turistico di Palau in direzione sud: si incontra immediatamente l'ingresso del campeggio. Il Campeggio non è specificamente riservato ai nudisti ma ha una zona della spiaggia (il camping si affaccia sul mare) riservata ai naturisti.
Aricipelago La Maddalena: è sull'isola di Caprera, collegata da un ponte all'isola di La Maddalena, nelle rocce adiacenti la spiaggia di Cala Serena, accanto al Club Mediterraneé. La spiaggia si trova dopo S. Teresa di Gallura in direzione Sassari e più precisamente andando in direzione Sassari o Castel Sardo dopo Baia Rena Majore in località Aglientù. C'è un servizio bus che scende dalla strada litoranea alle spiagge sottostanti ,invece di fermarsi o proseguire verso il promontorio cioè a sinistra, prendere il bagnasciuga e camminare verso destra fino ad incontrare i numerosi naturisti visto che in agosto si è riusciti a restare nudi anche nella settimana di ferragosto si può ben dire che il tratto di spiaggia in questione può considerarsi un buon insediamento.
Zona di cala Gonone: Provincia di Nuoro
Sardinia: in Costa Smeralda, in realtà si chiama Baia Sardinia
Fighera: Provincia di Cagliari

12. SICILIA
Foce del Pantano, Foce del Modione, Eraclea Minoa, Cala Rossa, Cala Bianca, Belice Casello 41, Baia del Faro, La tonnara, Riserva dello zingaro.
Foce del Belice - Selinunte (Tp) - Casello 41: Spiaggia Foce del Belice con adiacente una bellissima pineta. Dalla A29 uscite allo svincolo "Castelvetrano" e seguite le indicazioni per "Selinunte". Sulla statale 115, a 6 KM dall'autostrada, imboccate l'uscita per la SP 56 alla volta di Menfi e Portopalo: seguite le indicazioni per raggiungere il Paradise Beach Hotel e la Riserva orientata della foce del fiume Belice. A 2,7 Km troverete una deviazione per la riserva: NON imboccatela e proseguite lungo la SP 56 per altri 2 Km dove troverete, in prossimità di una curva in leggera salita, una svolta per il Paradise Beach Hotel e la seconda entrata per la Riserva; imboccate la strada secondaria: a 1,7 Km troverete un bivio, non andate verso l'hotel e mantenetevi sulla sinistra : la strada andrà in salita e pieghera per due volte sulla sinistra; a 1.3 km troverete una traversa sterrata sulla destra che vi porterà verso il mare. La traversa è anche segnalata da una scritta gialla (Spiaggia nudista) sul muro di una casa in costruzione posta sulla sinistra della strada. Raggiungete il piccolo parcheggio, lasciate la macchina, e proseguite a piedi lungo il sentiero che vi porterà giù in spiaggia. Una volta raggiunta la spiaggia muovetevi verso sinistra poichè a destra ci sono gli ombrelloni del Paradise Beach Hotel. Percorrete circa duecento metri e sistematevi a godere del sole e del mare!
Isola Lampedusa - Baia del coniglio (Agrigento)
Isola di Lipari: presso la località il Canneto
Isola Stromboli, a Ginostra (Me): La lunghezza della spiaggia di Stromboli è di circa 1000 metri. Fatta di sabbia nera finissima e larga una cinquantina di metri è frequentata da tutti i tipi di persone quali comitive straniere e moltissimi italiani provenienti dalle zone di Napoli e della Sicilia.
Eloro: Presso gli scavi di Eloro (vicino Vendicari, n.d.r.) c'è una stupenda cala naturista liberamente gay
Fraz. Forza D'Agrò: contrada Parrino, prov. Di Messina. Si trova tra Letojanni e Sant'Alessio(ME) per raggiungerla bisogna uscire al casello autostradale di Taormina e andare verso il paese di Letojanni, quindi proseguire fino al camping Paradise: da qui è possibile accedere alla spiaggia nudista. Oppure, se non si vuole pagare l'ingresso al campeggio, si può posteggiare nel parcheggio poco più avanti dell'ingresso del camping e raggiungere la spiaggia passando sotto il tunnel della ferrovia. E' frequentata sia da coppie, piccoli gruppi (gay e non) e singoli; è comunque un buon ambiente, discreto ed educato. NEWS: Nascerà sulla spiaggia di Forza D'Agrò, a quattro chilometri da Taormina, la prima oasi per nudisti in Sicilia. Lo ha annunciato il sindaco della piccola cittadina, Carmelo Lombardo, 51 anni, architetto. Il sindaco ha maturato l'idea dopo aver constatato che in una delle spiagge del suo paese di nudisti ce ne sono già tanti. La zona prescelta per il campo si chiama "Fondaco Parrino" e si trova nel cuore del polo turistico a due passi da Taormina e Giardini Naxos. La spiaggia è da anni punto di raccolta dei naturisti siciliani e stranieri. Per il comune di Forza D'Agrò quindi, si tratta solo di "legalizzare" il tutto in maniera tale che gli amanti della tintarella integrale non vengano denunciati per atti osceni
S. Teresa: Ex "spiaggia dei nudisti" di S. Teresa. E' stata cementificata da condomini quasi sul mare.
Vendicari: Così viene descritta da un nostro amico siciliano: si raggiunge da Siracusa proseguendo verso Avola, Noto -Pachino, lungo la statale 115. L'ingresso principale della riserva si trova lungo la Noto - Pachino. Ed è segnalato da un'indicazione turistica. L'asciata l'auto al parcheggio, si entra in riserva e si seguono i sentieri predisposti dalla forestale. Il tratto di spiaggia in cui è possibile stare in tranquillità si raggiunge dopo circa quindici minuti di passeggiata: è la zona di fronte all'isolotto di Vendicari, subito individuabile appena raggiunta la spiaggia. Consiglio evitare i weekend. La zona è caratterizzata da un nudismo spontaneo, dettato dalla natura in qualche modo selvaggia del luogo.(vi invito a visitare la spiaggia di CALAMOSCHE sempre in riserva) All'ingresso della riserva c'è sempre un presidio del corpo forestale.
NEWS: la spiaggia principale della riserva è stata chiusa quasi del tutto. In particolare il tratto di spiaggia cui mi riferivo è del tutto inaccessibile. La possibilità di praticare il naturismo è quindi orami esclusivamente limitata ai mesi di maggio, giugno, settembre ed ottobre, quando la riserva praticamente non è frequentata da nessuno.
Marinello di Tindari: la spiaggia è quella di Marinello, i famosi laghetti di Tindari in provincia di Messina. Sotto il santuario di Tindari, subito dopo Patti in autostrada uscita Falcone.
Il posto è splendido e vastissimo è facile proprio per questo praticare in tutta tranquillità il naturismo, inoltre è molto frequentato da turisti, gente con la mente un pò più aperta.
Lascari: Segnalata sull'edizione Palermo del quotidiano La Repubblica la spiaggia di Lascari è vasta e spopolata, ed è frequentata da naturisti. Dall'autostrada Palermo-Catania, uscire a Buonfornello; dopo 2 km prendere a destra il bivio per Lascari; a poche decine di metri imboccare sulla destra una stradina con sottopassaggio (si leggerà l'indicazione "Qui uova fresche"); alla fine un bivio porterà a sinistra verso Gorgo Lungo (dove bisogna andare) e a destra verso la spiaggia attrezzata di Lascari. Quest'ultima, raggiungibile anche dalla spiaggia di Gorgo Lungo, può essere comunque tappa per rifocillarsi al bar
Piano Torre: in provincia di Messina, a S.Saba ovvero Piano Torre, c'è una spiaggia abitualmente frequentata da nudisti. BUS 81 da Messina o in auto, oltre la statale si può uscire dall'autostrada da Villafranca e percorrere un paio di chilometri in direzione Messina. Purtroppo la crescente diserzione dei nudisti verso altri lidi meno liberi sta causando l'arroganza crescente degli "integrati" specialmente nei fine settimana piccolo borghesi delle famigliuole. Un vero peccato poiché la spiaggia si presterebbe ad essere utilizzata per un vero campeggio naturista. Diffondete.
Rocce Bianche: è una spiaggia naturista prevalentemente frequentata da gay che provengono da tutta l'Europa per le vacanze, in quanto vicinissima a Taormina. Per arrivarci: dallo svincolo autostradale di Taormina procedere in direzione Messina, a circa 500m. si trova un cartello piccolo con la scritta LIDO RE DEL SOLE, scendere sulla spiaggia e camminare 100m. tra gli scogli in direzione Messina.
Isola di Stromboli: nudismo tollerato
Scala dei Turchi: Realmonte provincia di Agrigento.
Pantelleria: possibilità di praticare il naturismo su quest'isola.